Sfidare sé stessi per andare oltre le statistiche

“Le sfide sono ciò che rendono la vita interessante… Superarle è ciò che le dà significato.” (Joshua J. Marine)

Sono passati ormai due mesi da quel 10 marzo, giorno in cui durante una partita di calcio fra scapoli e ammogliati la mia caviglia ha fatto “crack” e mi ha costretto lasciare il mio lavoro. Un infortunio grave, difficile da digerire: 11 viti, una placca metallica. Ironia della sorte: l’intervento killer è stato opera di un mio compagno di squadra! 

Ma dai, ancora un paio di settimane e mi lascerò tutto alle spalle!

 Si, all’inizio è stata una mazzata per me che sono abituato a fare sport ogni giorno, che faccio la Spartan Race, che seguo uno stile di vita equilibrato, ma poi… Poi mi sono detto: “ok Nicola, hai tutto il tempo per organizzare il tuo rientro a lavoro, mettere in ordine un po’ di idee e progettare un nuovo futuro in una nuova azienda TOP! Senza dimenticare che hai un alleato importante, una risorsa unica e dal valore inestimabile che non puoi sprecare: il tempo!”

In questi due mesi non sono mancati i momenti di sconforto, ma giorno dopo giorno le diverse esperienze vissute nella mia vita (oggi sono anche un personal coach, certo, ma per me non è sempre stata rose e fiori a contrario di quello che si vede in rete per la maggior parte delle persone) mi hanno permesso di attingere a quelle risorse utili a fortificarmi ulteriormente, risorse che hanno fatto emergere quella parte di me vera e autentica a dispetto di quello che la rete vuole tenere nascosta. 

Ancora un paio di settimane, forse tre, poi tornerò a fare quello che più mi piace: aiutare i miei clienti a ottenere il meglio dalla loro attività attraverso le mie consulenze. 

Questo sarà possibile grazie al mio desiderio di mettere in discussione quello che mi dissero i medici riguardo i tempi di recupero (a me non piace “fare parte delle statistiche”), una nuova sfida da vivere e da vincere a ogni costo: è una sfida da superare per dare un significato a ciò che ero e a ciò che sono diventato. Come per dire che non tutto il male viene per nuocere. Posso sfidare me stesso!

Vincere la sfida è il mio obiettivo, senza un obiettivo questi due mesi sarebbero stati mesi infernali, due mesi buttati. 

Vivere i momenti di difficoltà come momenti di crescita è la cosa che ho imparato negli anni, è la cosa più importante da non dimenticare se vuoi davvero ottenere ciò che desideri nella vita. 

Si avvicina il traguardo, non una fine ma un nuovo inizio. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.